manutenzione porte REI

La normativa in vigore, relativa alle misure antincendio, prevede l’obbligo in alcuni casi di installare porte e portoni aventi determinati e specifiche caratteristiche che vengono definite utilizzando la sigla REI che viene affiancata da alcuni numeri quali 30, 60, 120 ecc.

Ma cosa significa porte REI? Le lettere che compongono la parola REI hanno ognuna un preciso significato: “R” sta per resistenza meccanica conservata efficiente da un numero di minuti di esposizione al fuoco. Il numero segue la sigla REI.

La “E” indica la capacità della porta di impedire sia il passaggio che la produzione di fuoco o fumo dalla parte opposta a quella dove si è sviluppato l’incendio mentre la lettera “I” è l’isolamento termico che serve a ridurre la trasmissione del calore da entrambi i lati della porta ed a mantenere quindi la temperatura della superficie investita entro i circa 150 gradi centigradi.

I numeri che seguono la sigla stanno ad indicare i minuti entro i quali le caratteristiche sopra elencate devono essere mantenute.

Maggiore è il numero, più a lungo la porta o il portone antincendio è in grado di difendere e proteggere beni, cose e persone minacciate dal fuoco e dal conseguente fumo.

Duemmeservice è un’azienda leader, nel nord Italia, nella manutezione di porte REI nelle provincie di Verona, Trento e Milano.

E’ importante che le porte REI siano certificate e che rispondano a tutti i requisiti richiesti dalla normativa.

Per questo devono essere sottoposte a prove di laboratorio che ne accertino la funzionalità e l’affidabilità.

Oltre all’anta, elemento fondamentale ma non unico della porta, rivestono particolare importanza gli accessori come le cerniere ed i maniglioni antipanico che devono assicurare la semplicità e l’immediata apertura della porta in caso di pericolo, ed agevolare quindi la fuga delle persone con una semplice spinta.

Stesso discorso vale per i chiudiporta, i meccanismi di chiusura automatica della porta che, montati dalla parte esterna rispetto alla direzione di fuga, hanno l’obiettivo di impedire la fuoriuscita di fiamme e fuoco insieme alle persone.

Altro elemento che completa la struttura della porta tagliafuoco è rappresentato dalle guarnizioni etumescenti.

Queste, pur gonfiandosi sotto la pressione del calore, non devono fondere nè bruciare, nè tantomeno produrre fumi nocivi.

Devono invece resistere fino a 250° centigradi grazie al materiale di cui sono composte, ovvero gomma siliconata.

Oltre a questa tipologia di guarnizioni, ce ne sono anche di speciali chiamate guarnizioni a spazzolino che vanno poste tra pavimento e anta per una maggiore compattezza dell’insieme.

E’ fondamentale che tutti questi elementi funzionino durante un pericolo di incendio e di diffusione di fiamme e fumo, poichè uno solo di essi, in caso di malfunzionamento, potrebbe mettere a repentaglio la vita delle persone ed il collasso generale del sistema.

Tutto ciò fa emergere chiaramente l’importanza delle due fasi, quella di produzione e quella di installazione di porte e portoni antincendio.

Per questo è fondamentale rivolgersi ad esperti del settore come la Duemmeservice, leader nel settore dell’installazione, operante in diversi regioni del Nord-Italia ed in Emilia Romagna che mette a disposizione dei suoi clienti la professionalità e la competenza del proprio personale derivante da anni di attività nel campo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *